Loading...
 
Print Send a link

Storia della letteratura italiana

Presentazione di Gian Mario Anselmi

Una nuova letteratura per un nuovo umanesimo:
molte lingue, molte culture, molti saperi


ImageLa letteratura di Griseldaonline(external link) è una storia letteraria plurale, collettiva, scritta da generazioni più giovani di studiosi in alternativa alle tradizionali storie letterarie. E’ un esperimento a suo modo rivoluzionario che porta la storicità del passato letterario nell’orizzontalità e simultaneità comunicative della rete, di cui intende usare le grandi potenzialità di guida alla conoscenza e non solo all’informazione. E’ ispirata a una potente intuizione di molti anni fa di Ezio Raimondi: progettare una storia europea della letteratura italiana ovvero una storia letteraria che sapesse pienamente contaminare la nostra tradizione nel percorso europeo e mediterraneo; ricezione e interscambio sono infatti le chiavi da sempre suggerite da Ezio Raimondi per mettere in luce le radici italiane della modernità europea e al tempo stesso l’ininterrotto flusso europeo, mediterraneo (e oggi ancor più ampio) che ha penetrato e penetra nella nostra identità cosi variegata e plurale: e queste sono appunto le chiavi fondative della nostra letteratura online.
Essa è perciò anche una letteratura che si confronta con tutti i saperi finitimi e sfrutta appieno in questo senso le potenzialità della rete per costruire raccordi simultanei, laddove possibile, con arti visive, musica, filosofia, storia, cinema e media. Snella nell’impostazione dei singoli capitoli, si andrà però progressivamente arricchendo di apparati paralleli di testi e serbatoi di dati ampi e fruibili ad uso e scelta del visitatore. Molti ne sono e ne saranno gli autori uniti dall’esperienza innovativa e di grande successo maturata nella redazione del magazine Griseldaonline(external link): come lì anche qui il senso di contiguità collettiva e non autoriale dell’opera non spegne però le singole personalità di chi vi lavora e gli stili e le forme di scrittura degli autori sono volutamente frastagliati e plurali, adeguati ai vari capitoli, senza gli assilli di forzate omogeneità accademiche e standardizzate di scrittura, scrittura che vorrebbe però sempre tendere alla chiarezza e all’alta tensione divulgativa. Nella novità del mezzo vogliamo infatti riscoprire la dignità dell’esercizio critico come etica della lettura forte e pienamente responsabile: ovvero varietà consapevole dell’interpretazione nell’unità e coesione dei fini. E’ un lavoro che si fa e si farà nel tempo, non sarà mai davvero compiuto e potrà presupporre magari in futuro, ad esempio, anche più capitoli di più autori dedicati allo stesso protagonista o allo stesso periodo, ognuno con la sua peculiare chiave di lettura: ma diversamente che nella vecchia pratica decostruzionista il radicamento nella storia, nel contesto e nei diritti inalienabili del testo nella sua “verità” filologica sarà essenziale e il lettore sceglierà cosi con piena consapevolezza storica la lettura a lui più congeniale o le terrà presenti tutte per avere il senso vivo della dialogicità tra grandi classici e loro attuali interpreti.
Interpreti preferibilmente giovani, non logorati da troppe, decennali milizie e malizie accademiche. Questa vorrebbe anche presentarsi infatti come la storia letteraria di nuove generazioni di studiosi che hanno aderito con entusiasmo all’impresa, cui chi scrive, e sulla scorta di lezioni di grandi e ormai classici maestri, ha offerto solo la sponda del coordinamento, dell’esperienza e della passione non sopita per la saggezza antica della letteratura. E per ultimo consentite appunto al coordinatore del lavoro di esprimere una personale, ulteriore speranza. La speranza che questa particolare storia letteraria sia un tassello per contribuire a ridefinire una nuova tensione umanistica dopo tante predicazioni ormai logore su postumano e postmoderno. Non un ritorno ad un vecchio umanesimo di maniera ma una frontiera aperta ad una nuova “ospitalità”, nella lingua e nell’arte, dell’uomo e dell’umano, cui sempre più traguarda la migliore letteratura dei nostri tempi.


Page last modified on Monday 04 of October, 2010 14:48:48 CEST

Contents
[toggle]